Rock News Streaming

Loading...

martedì 4 dicembre 2012

Flerida: estatico desiderio di fare ritorno a casa
















I Flerida sono rispettivamente Michele Diemmi (chitarre e voce) e Federica Melegari (voce). I due musicisti provengono dalla provincia parmense, hanno all'attivo alcuni singoli usciti dal 2009 ad oggi e proprio pochi giorni fa (esattamente il 17 Novembre) hanno pubblicato il loro primo Ep, "Nuclear Emotion". Il lavoro, composto da tre brani, oscilla tra melodie pop-rock e atmosfere prevalentemente acustiche e malinconiche. "Way Back Home", il pezzo di apertura, ha nell'alternanza delle voci di Michele e Federica la sua arma vincente e lo spunto decisamente più interessante: le loro sono timbriche calde, che traspirano sentimento, leggerezza, poggiano su altrettanto delicate linee di chitarra e suonano a meraviglia insieme; sono una sorta di tenero dialogo che finisce per congiungersi in un unico estatico desiderio di "fare ritorno a casa" che esplode nel trascinante chorus. "Spaceship" è una dolce e malinconica ballata acustica su cui la splendida voce femminile dei Flerida offre la migliore performance dell'intero Ep. La sua timbrica vagamente "celtica" fa di questo brano un intimo viaggio onirico che non avrebbe sfigurato in un album dei Cranberries (mi ricorda un pò la loro "Shattered") o dei The Corrs ("Dreams"). Con "Anonymous in Time" si chiude Nuclear Emotion; essa è, a mio avviso, la traccia più accattivante di questo prodotto; si sente, non a caso, una maggiore qualità nelle idee d'arrangiamento: cambi ritmici, una riuscitissima melodia vocale da parte di entrambi (soprattutto nel chorus), chitarre più graffianti che giustificano il mood pienamente "alternative" del brano, insomma una ricerca più accurata della soluzione migliore che ha qui fruttato un risultato di pregevole livello, facendo di Nuclear Emotion un esperimento parzialmente riuscito ma che offre spiragli  più che incoraggianti per il futuro di questa esordiente band parmigiana.        Rentboy'84






Nessun commento:

Posta un commento